La diffusione del coronavirus ha imposto alle aziende, soprattutto alle multinazionali, di far lavorare i propri dipendenti da remoto, per evitare il più possibile gli spostamenti. Ecco che si parla allora di smart working, altrimenti noto come lavoro agile. Ecco un vademecum per lavorare al meglio lontano dalla propria postazione abituale, che sia in casa o in altro ambiente, concepito dal team di Copernico, rete di luoghi di lavoro, uffici flessibili e servizi che favoriscono lo smart working.
1- Preparare la postazione
Idealmente la cosa migliore sarebbe poter lavorare da una postazione dedicata, cioè per esempio non sul tavolo della cucina dove si mangia, ma su un’altra scrivania (in casa o in un altro luogo). Se questo non è possibile, si può sempre scegliere di sedersi in un punto diverso del tavolo rispetto a quello usato per i pasti. È importante cercare di preparare una postazione lavorativa gradevole, con sedia e luce adatte…



Leggi l’articolo su blogstar.org.uk