La selezione di 50 persone che Wired ritiene le future protagoniste del prossimo anno è eterogenea: ci sono naturalmente donne e uomini protagonisti del mondo della ricerca scientifica e dell’esplorazione spaziale, ma anche attori, cantanti, sportivi, imprenditori e politici, senza dimenticare figure come attivisti, influencer e manager. E in questa rassegna di personalità così diverse rimane un filo conduttore: anche se in molti casi non avrete mai sentito i loro nomi, sono quelle di cui, per motivi diversi, si parlerà nei prossimi 12 mesi.

Indovinare i protagonisti dell’anno prima ancora che inizi è difficile, soprattutto senza doti divinatorie a disposizione, ma ci abbiamo provato. Nella lista ci sono persone di cui quest’anno si celebrano ricorrenze importanti o di cui si parlerà nel mondo delle relazioni internazionali e in quello dello spettacolo, ma anche pionieri del mondo dell’innovazione e Ceo di primo piano nel panorama mondiale. Moltissime sono figure positive, da ammirare, mentre per altre è ancora un po’ prematuro sbilanciarsi, e conviene aspettare almeno la fine del 2021 prima di fare valutazioni.

La raccolta di immagini mescola giovanissimi che non hanno ancora raggiunto la maggiore età con uomini e donne di grande esperienza, e non mancano figure come hacker, atleti straordinari, talenti emergenti e direttori di grandi eventi o di centri di ricerca. Alcuni volti sono già parte della storia, altri sono per ora solo promesse, e ci sono anche poeti del passato, ex criminali e leader loro malgrado, che saranno di certo al centro della scena nei prossimi dodici mesi.

Ai protagonisti della selezione, soprattutto, sarà dato spazio sulle pagine di questo giornale, cartacee o digitali che siano, oppure nel corso dei nostri eventi del 2021. E per tutti coloro che abbiamo indicato come da tenere d’occhio abbiamo riassunto, nelle brevi didascalie che completano le foto, le caratteristiche che ne fanno a nostro giudizio persone Wired.

The post 50 persone da tenere d’occhio nel 2021 appeared first on Wired.



Leggi l’articolo su wired.it