Anche a fine 2019, come ogni dicembre da qualche anno a questa parte, Wired propone una lunga lista con alcune delle personalità più determinanti e in vista degli ultimi 12 mesi. Il risultato è una raccolta in cui confluiscono, mescolati tra loro, personaggi di spicco della comunità scientifica, del tessuto imprenditoriale, del cinema e in generale del mondo dello spettacolo. Una rassegna dove, come da tradizione, trovano spazio pure eccellenze dello sport, cantanti e scrittori, insieme a influencer, attivitstihacker, astronauti, fumettisti e qualche politico.

Il carosello di immagini messe insieme nella gallery include persone che hanno un’unica, fondamentale, caratteristica comune: attraverso le loro idee o le loro gesta hanno fatto parlare di sé in qualche momento del 2019. La grande maggioranza di queste persone ha trovato spazio in uno dei più recenti numeri del magazine di Wired, sulle pagine di questo sito oppure in uno dei Wired Next Fest di Milano o di Firenze. E a tutto ciò si aggiungono vittime di violenze brutali, persone che abbiamo imparato a conoscere coperte da una maschera e personaggi noti soprattutto con uno pseudonimo.

Interpretando il concetto di persone in senso lato, infine, nella nostra top 50 trovano una casella anche protagonisti di film di animazione, corpi celesti, animali speciali e intelligenze artificiali dalle capacità umane. Nella lista ci sono celebrità al centro della scena da tempo immemore così come stelle emergenti e giovanissimi talenti. E anche alcune delle persone a cui nel corso del 2019 abbiamo purtroppo dovuto dire addio.

Nei brevi testi che accompagnano ogni foto sono raccontati gli elementi che, a nostro giudizio, rendono queste persone i protagonisti Wired del 2019. Come vedrete, non per tutti si tratta di qualcosa di positivo: le 51 persone dell’anno sono l’occasione per ripercorrere alcuni degli argomenti che abbiamo scelto di raccontare su questo giornale, in certi casi anche controversi o drammatici.

The post 51 persone che hanno segnato il 2019 appeared first on Wired.



Leggi l’articolo su wired.it