Per la prima volta nella storia degli investimenti cinesi in Italia, quest’anno un fondo di venture capital ha investito in una startup italiana. È l’inizio di una nuova serie di investimenti cinesi in Italia? Dobbiamo contenere questa ondata o cavalcarla? Si tratta di una novità che può rappresentare un’opportunità per le imprese italiane, ma anche un campanello d’allarme per le tecnologie made-in-Italy. 
La raffineria di Yanlian nella provincia dello Shaanxi, in Cina (Getty Images)
di Riccardo Silvestri
Nel maggio 2019 Zhen Fund, uno dei maggiori fondi cinesi, ha investito a fianco della europea Btov 1,7 milioni di Euro nell’italiana Stamps, un’applicazione telefonica per fare acquisti esentasse. Si tratta del primo investimento in assoluto di un venture capital cinese in Italia. Tuttavia, la storia delle acquisizioni cin…



Leggi l’articolo su blogstar.org.uk