Il fondatore ha affermato che l’azienda sta lavorando a un aggiornamento in base a cui i siti di disinformazione russi appariranno più in basso nei risultati di ricerca rispetto agli altri. Ma ad alcuni utenti la decisione non va giù



Leggi l’articolo su wired.it