A una richiesta di accesso agli atti il dicastero guidato da Patrizio Bianchi si oppone per questioni di privacy. Ma anche perché dice che “il monitoraggio non è obbligatorio”



Leggi l’articolo su wired.it