Secondo uno studio, i software non più aggiornati sui due principali cataloghi sono ormai la maggioranza



Leggi l’articolo su wired.it