Il coordinatore tecnologico dei laboratori di Ethereum Classic, Stevan Lohja, ha confermato e spiegato le novità circa il prossimo hard fork di ETC, Atlantis, e di come questo migliorerà la blockchain.

Lohja ha spiegato che questa proposta di fork, la ECIP-1054, che salvo ritardi verrà implementata dal blocco 8,750,000 (attualmente siamo al blocco 8,153,650 e quindi mancherebbe poco meno di un mese), conterrà,  tra i vari aggiornamenti anche l’EIP-161, che permetterà di rimuovere gli account vuoti utilizzando poche risorse.

Nello specifico, Lohja fa notare come la rete di Ethereum Classic sia vulnerabile agli attacchi di tipo DoS (Denial-of-Service) per cui chiunque può creare degli account vuoti che incrementano la dimensione della blockchain e quindi, se questa riceve una quantità eccessiva di richieste, si ingolferebbe e si bloccherebbe fino a quando non riuscirebbe a gestire tutte le richieste in coda.

In pratica, tutti questi problemi con questo hard fork si potrebbero cancellare e tutti questi account vuoti e senza motivo si potrebbero eliminare, utilizzando poche risorse, riducendo la grandezza della blockchain e migliorando inevitabilmente le performance della rete grazie alla riduzione del tempo della sincronizzazione dei client che dovranno così caricare meno dati.

Inoltre, il coordinatore sottolinea che questo non inciderà sull’utente finale:

Questo hard fork, che in realtà non va a creare una nuova coin ma è solo un update, sarebbe dovuto avvenire il 22 novembre 2016 al blocco 2,675,000 a seguito dell’attacco subito alla rete Ethereum nel settembre dello stesso anno, ma che a seguito della scoperta di un “consensus bug” fu posticipato.

The post Atlantis: tutto quello che c’è da sapere sull’hard fork appeared first on The Cryptonomist.



Leggi l’articolo su cryptominando.it