Ormai mancano pochi giorni al famigerato coin burn di BNB, ovvero la distruzione di alcune token da parte dell’exchange Binance.

Read this article in the English version here.

Ogni trimestre, infatti, il noto exchange utilizza una parte dei propri introiti per acquistare token BNB da bruciare. Questa procedura è prevista ed ampiamente descritta dal whitepaper di Binance ed andrà avanti sino a quando verrà dimezzata la supply totale della moneta, riducendo dunque il numero di token a sole 100 milioni di unità.

L’ultimo coin burn di BNB era avvenuto lo scorso 15 aprile. In quell’occasione l’exchange aveva acquistato e distrutto 829,888 Binance Coin (BNB), equivalenti all’epoca ad oltre 15 milioni di dollari.

Entro pochi giorni dunque, dovrebbe venir annunciato l’ottavo coin burn di BNB, come già anticipato dal CEO CZ sul proprio profilo Twitter.

Difficile al momento stimare quante monete verranno distrutte, anche se nell’ultimo trimestre Binance ha registrato fatturati e volumi record, complice la forte crescita del prezzo di bitcoin verificatasi tra maggio e giugno.

Ultimo mese da record per Binance

Tommy Mustache, noto sostenitore di Binance Coin, ha pubblicato su Twitter:
“Il volume degli scambi registrati nel secondo trimestre del 2019 dovrebbe essere stato di molto maggiore rispetto al primo trimestre, a causa dell’aumento del prezzo dei bitcoin e delle principali altcoin. Inoltre, dove vanno a finire tutti le fee del gas di BNB derivanti dai token BEP2 circolanti sulla Binance Chain e dal Binance DEX?”.
L’ultimo mese per Binance è stato un vero e proprio mese da record, con volumi nettamente superiori al 2017, come riportato da CZ stesso. Binance ha finora effettuato il coin burn di 11.7 milioni di token BNB in occasione dei sette trimestri passati.
Tale valore rappresenta meno del 6% della fornitura totale di BNB, pari a 200 milioni di token. Nel primo trimestre del 2019, l’exchange ha riportato circa 78 milioni di dollari di profitti. Stando alle analisi, il token BNB ha avuto una super performance, toccando il nuovo ATH di 39.5 Dollari lo scorso 22 giungo.
Insieme al classico coin burn, Binance distribuirà anche 16 milioni di token BNB scongelati dal team, per un valore totale prossimo ai 539 milioni di dollari.
Nonostante gli ultimi record, si ipotizza che i mesi successivi avranno un impatto negativo sul token a causa del divieto di operare negli USA, che diverrà operativo dal prossimo 12 settembre.
Nonostante l’exchange abbia annunciato Binance US, infatti, si teme che molte monete e persino il token BNB non approderanno sul suolo americano. 

The post Binance pronta per il coin burn di BNB. Un mese da record appeared first on The Cryptonomist.



Leggi l’articolo su cryptominando.it