Bitcoin tocca nuovi record e si spinge fino a 12.945 dollari, a pochi dollari dalla soglia dei 13 mila dollari, livello che non si registrava dal gennaio 2018.

Un deciso movimento rialzista anche oggi evidenzia una giornata particolarmente positiva e trainata dal prezzo di bitcoin.

Fonte: COIN360.com

Riesce a tenere il volo verso l’alto come performance giornaliera tra le big solamente NEO, che sale con un rialzo a doppia cifra. 

Bitcoin (BTC) segna nuovi record
Grafico Litecoin by Tradingview

L’unica che rimane zavorrata e non riesce più a salire è litecoin (LTC) che, dopo aver aggiornato i massimi dell’anno lo scorso 22 giugno, precisamente sabato, oggi vede un movimento poco sotto la soglia della parità in territorio negativo. Questa frenata per Litecoin la lascia in 5° posizione a favore di Bitcoin Cash, ora in 4° posizione. Rimane un testa a testa tra queste due crypto, con una differenza di 3-400 milioni di dollari. Bitcoin Cash beneficia del traino di bitcoin e sale ad attaccare i massimi dell’anno in area 515 dollari, raggiunti durante l’ultimo weekend. 

Bitcoin (BTC) segna nuovi record
Grafico Vechain by Tradingview

Dopo il forte movimento rialzista di ieri, VeChain (VET) ritraccia dell’8% in ottica giornaliera, da contestualizzare in ottica intra-day. Dopo il forte balzo in alto di ieri mattina con un +70%, ora VeChain cerca di aggrapparsi a 1 centesimo di dollaro, livello che farebbe consolidare i prezzi per far salire le quotazioni anche nei prossimi giorni.

Record 2019: perché bitcoin sta salendo?

I motivi possono essere diversi. Nel primo trimestre del 2019 il prezzo di bitcoin si è caricato come una molla che è scattata in questi ultimi giorni, in particolare per gli annunci come il lancio della valuta di Facebook e la stablecoin di JP Morgan.

Ma in particolare, a contribuire alla salita del prezzo di bitcoin, sono le ufficializzazioni da parte di Bakkt che lancerà nel prossimo luglio il future agganciato come sottostante a bitcoin reale, così come anche l’ufficializzazione di ieri da parte di LedgerX, che ha anticipato le autorizzazioni da parte della CFTC statunitense. Pertanto tra poco sarà possibile di acquistare future peggati sul bitcoin e non sul dollaro, come sono i future di CME e CBOE. 

Queste notizie non fanno altro che dare fiducia al settore e al bitcoin che, così, mette le ali. Il forte balzo di oggi trascina il market cap a 360 miliardi di dollari, un livello da record che non veniva registrato da marzo 2018. Risalta anche la dominance del bitcoin oltre il 61%, spingendosi sopra i livelli di record segnati alla metà di maggio scorso e rivedendo i livelli abbandonati nel dicembre 2017.

Oltretutto, questo forte rialzo, nonostante le buone performance di Ethereum, non permette a ETH di salire nuovamente sopra la quota del 10% e questo grava su Ripple che, nonostante stia cercando di mantenersi a livelli a ridosso dei 47 centesimi di dollaro, come dominance scende ai minimi sotto quota 6%, rivedendo i livelli di settembre 2018. Questo evidenzia la forza che bitcoin sta dimostrando in queste ultime ore o settimane.

I rialzi sono accompagnati da importanti acquisti, volumi giornalieri che in queste ultime 24 ore sono oltre i 106 miliardi di dollari scambiati, livelli molto importanti in ottica intra-day.

Bitcoin (BTC) segna nuovi record
Grafico bitcoin by Tradingview

Nuovi record per Bitcoin (BTC)

Bitcoin sta vivendo un’ascesa verticale e arriva a sfiorare quota 13.000 dollari. Gli indicatori entrano in uno spazio di ipercomprato assoluto. È un segnale che evidenzia la particolare euforia che sta spingendo le quotazioni. 

Questi movimenti rapidi verso l’alto devono evidenziare cautela. Movimenti così ripidi non lasciano livelli di supporto necessari da individuare in caso di ritracciamento. Quello più prossimo è intorno ad area 11.500 distante del 15% dai massimi della mattinata. 

Bisognerà anche prepararsi ad un’eventuale ritracciamento molto profondo per quel che riguarda bitcoin. Al momento un ribasso che porterebbe le quotazioni sotto 8.800 dollari (-45% dai record di questa mattina). E’ un movimento che scatenerebbe il panico in ottica intra-day, ma non comprometterebbe assolutamente la struttura rialzista che bitcoin si è costruito dallo scorso aprile. 

Perciò queste fasi di particolare euforia devono far gioire chi ha comprato bitcoin nei mesi scorsi ma devono anche far alzare l’asticella della cautela. 

Una fase ascendente del bitcoin accompagnata da bassa volatilità è decisamente un segnale di allarme che potrebbe generare  particolari scossoni verso il basso anche a doppia cifra.

Bitcoin (BTC) segna nuovi record
Grafico Ethereum by Tradingview

Ethereum (ETH)

Anche Ethereum sta beneficiando del momento di euforia. In queste ultime ore ETH si è portato poco oltre la soglia dei 337 dollari, che aveva abbandonato dallo scorso agosto 2018. Anche Ethereum è impostato in una tendenza decisamente rialzista che evidenzia il particolare momento di gloria per la seconda criptovaluta. 

Un movimento che, al momento, sarebbe compromesso solo con ritorni sotto area 255 dollari, cosa che richiederebbe un ribasso del 30% e sarebbe un primo campanello di allarme. Ma solo un ribasso sotto soglia dei 230 dollari (livelli distanti del 50% dai valori di questa mattina) comprometterebbero  la struttura rialzista costruita dai minimi di fine aprile. 

In questo contesto è utile seguire l’ascesa rialzista ma è prudente iniziare ad avere molta cautela. Momenti così intensi al rialzo potrebbero generare veloci e immediate prese di profitto che potrebbero generare ritracciamenti a doppia cifra.

I movimenti rialzisti di bitcoin ed ethereum sono stati accompagnati da importanti volumi.

The post Bitcoin (BTC) segna nuovi record appeared first on The Cryptonomist.



Leggi l’articolo su cryptominando.it