Nelle ultime ore circola in rete la notizia di un nuovo possibile furto subito dall’exchange Bithumb. Si tratterebbe del secondo ingente furto di criptovalute avvenuto negli ultimi tre mesi, seguito dall’importante hack dell’exchange Cryptopia. La fonte è Dovey Wan, crypto analyst molto attiva ed attenta ad EOS:

Inizialmente si credeva che il furto avesse coinvolto il Cold Wallet di Bithumb, ma in realtà il wallet attaccato è l’hot wallet usato dall’exchange per i continui prelievi e depositi degli utenti. La somma di EOS trafugati ammonterebbe a ben tre milioni di EOS, pari a poco più di quindici milioni di Dollari.

Stando ai tweet di Dovey Wan, tutte le operazioni sono registrate sulla blockchain di EOS e buona parte dei fondi rubati è stata trasferita presso altri Exchange e piattaforme di Swap. Tuttavia, come confermato dal CEO di Binance, pare che quest’ultimo exchange non abbia ricevuto i suddetti EOS rubati.

Naturalmente al momento non vi sono conferme da parte di Bithumb, anche se poco fa l’account ufficiale ha comunicato di aver registrato alcuni prelievi di criptovalute insoliti e di essere al lavoro per il ripristino dei servizi di prelievo e deposito dei fondi, come riportato nel comunicato ufficiale.

Occorrerà attendere maggiori informazioni per capire al meglio cosa è realmente accaduto e se i fondi sono stati effettivamente rubati o meno. Tuttavia il comunicato ufficiale non lascia presagire buone notizie. Sempre Bithumb infatti, ha subito un importante furto di ben 30milioni di dollari in passato, indice di una sicurezza piuttosto precaria della piattaforma.

Tre milioni di EOS rubati: i dettagli dell’attacco

Come spiegato dai Tweet di Dovey Wan, gli hackers sono entranti in possesso delle chiavi dell’Hot Wallet EOS di Bithumb. In questo modo sono riusciti a rubare ben tre milioni di EOS.

la maggior parte dei fondi rubati sono stati mandati ad alcuni exchange, fra cui HitBTC, Houbi, WB ma sopratutto ChangeNow, che permette di convertire token e monete in tempi brevi senza richiedere KYC. Per quanto la blockchain di EOS sia reversibile, una parte di questi EOS che sono già stati convertiti in altre criptovalute è ormai irrecuperabile.

Sempre Dovey Wan ha pubblicato anche la mappa degli address a cui sono stati inviati i tre milioni di EOS rubati. La trovate di seguito:

Coinvolto anche il Wallet Ripple di Bithumb?

Nelle ultime ore è emerso anche un altro dato: pare che anche il wallet ripple di Bithumb sia stato trafugato. Mancano all’appello circa 20milioni di Ripple (XRP), che potrebbereo essere stati trafugati dal medesimo gruppo di hacker.

Monitoreremo l’evolversi della situazione nelle prossime ore ed aggiorneremo l’articolo non appena ci saranno novità!

cripto

Vi invitiamo a seguirci sul nostro canale Telegram ed anche sul gruppo ufficiale Telegram, dove sarà possibile discutere insieme delle notizie e dell’andamento del mercato, sulla nostra pagina Facebook e sul nostro account Twitter.


La più grande community italiana dedicata alle criptovalute: Italian Crypto Club (ICC)

L’articolo Bithumb sotto attacco: rubati tre milioni di EOS e (forse) 20 milioni di Ripple proviene da CryptoMinando.



Leggi l’articolo su cryptominando.it