Lo scorso anno, più precisamente il 26 Settembre 2018, il colosso del mining cinese Bitmain aveva depositato la propria richiesta di IPO, ovvero offerta pubblica iniziale, presso l’Hong Kong Stock Exchange (HKEX).

Tale richiesta però, non è mai stata approvata, dal momento che ben sei mesi dopo la richiesta è scaduta, portando dunque l’idea di avviare una IPO ad un nulla di fatto.

Il fatto che l’Hong Kong Stock Exchange (HKEX) abbia esitato ad approvare la domanda di IPO di Bitmain lasciò intuire i problemi finanziari riscontrati dall’azienda nell’ultimo anno. Più volte infatti, Bitmain aveva mostrato ritardi e poca trasparenza nella pubblicazione dello status economico.

Nonostante ciò, lo scorso marzo 2019 era circolato in rete un post pubblicato sul blog ufficiale dell’azienda in cui veniva riportato che Bitmain avrebbe nuovamente effettuato la richiesta di quotazione, senza specificare però alcuna data ed ente.

Proprio nelle ultime ore, Bloomberg ha pubblicato un articolo inerente a Bitmain, in cui viene comunicato che l’azienda ha intenzione di effettuare una nuova IPO, complice anche i corposi rialzi dei mercati delle criptovalute registrati negli ultimi due mesi.

Bitmain: nuova IPO in arrivo grazie alla salita di bitcoin?

Come riportato da Bloomberg, Bitmain Technologies Ltd., ovvero il più grande produttore di ASIC ed hardware specifico per il mining di bitcoin ed altre criptovalute, avrebbe intenzione di approfittare del rialzo del valore di bitcoin per rilanciare la propria IPO.

Non viene menzionata una fonte diretta, in quanto si tratta di informazioni confidenziali, ma pare che la notizia giunga da un gruppo di persone del settore molto preparate in materia.

L’azienda starebbe infatti collaborando con i consulenti finanziari per preparasi ad una IPO sul suolo americano. Essa potrebbe già avvenire nella seconda metà dell’anno corrente. Bitmain infatti, punta a fornire tutta la documentazione necessaria alla SEC (Securities and Exchange Commission) già il prossimo mese.

L’azienda Bitmain in passato è stata valutata circa 15 miliardi di dollari dopo un round di finanziamenti privati lo scorso anno. Tuttavia il target potrebbe venir abbassato significativamente. Si rumoreggia infatti, che l’azienda ambisca a raccogliere circa 300-500 milioni di dollari dalla vendita delle proprie azioni sul suolo americano.

La precedente IPO puntava a raccogliere circa 3 miliardi di dollari ma attualmente è difficile stimare la cifra a cui ambisce Bitmain. Probabilmente l’azienda sfrutterà la crescita di bitcoin delle ultime settimane, che proprio in queste ore si sta avvicinando alla fatidica soglia dei 10mila dollari, valore che non veniva raggiunto da più di un anno ormai.

Al momento Bitmain non ha rilasciato comunicati ufficiali. Occorrerà attendere dunque le prossime settimane per avere nuove informazioni attendibili.

The post Bitmain al lavoro per lanciare una nuova IPO? appeared first on The Cryptonomist.



Leggi l’articolo su cryptominando.it