Pensavamo che i social network avrebbero reso il mondo più democratico, che Mark Zuckerberg fosse un campione della libertà e che il digitale fosse intrinsecamente buono: poi è arrivata la serie tv di Charlie Brooker.



Leggi l’articolo su wired.it