A distanza di dieci anni dal debutto, anche i momenti più assurdi della serie distopica di Charlie Brooker ci sembrano sempre più plausibili (e paradossalmente sempre meno utili)



Leggi l’articolo su wired.it