Lo Yeni Malatyaspor, squadra di calcio della prima divisione turca, ha recentemente stretto una partnership con l’exchange di criptovalute BtcTurk.

BtcTurk è attualmente il più grande exchange nazionale della Turchia ed è aperto dal lontano 2013.

I dettagli della partnership

Come possibile leggere su Reddit, la partnership prevede la sponsorizzazione del club Yeni Malatyaspor che, in cambio, indosserà il logo dell’exchange sulla propria maglietta in questa stagione 2019/20.

La notizia arriva poco dopo che anche il Manchester City, una delle squadre inglesi di calcio più conosciute al mondo, ha annunciato una patnership con Superbloke, startup blockchain sud coreana che sviluppa videogiochi calcistici.

Si tratta della prima sponsorizzazione che avviene tra un exchange di criptovalute ed un grande club sportivo.

Un utente Reddit ha anche affermato di aver visto uno striscione dell’exchange BtcTurk nell’ultima partita disputata dallo Yeni Malatyaspor e l’Alanyaspor.

Özgür Güneri, CEO di BtcTurk, ha dichiarato:

“Siamo entusiasti di fare un altro passo avanti nel nostro paese e nel mondo, unendo le forze di Yeni Malatyaspor e di BtcTurk. Questo accordo rappresenta un passo avanti per aumentare la consapevolezza nei confronti di Bitcoin e per contribuire alla crescita del settore delle criptovalute in Turchia.”

Il ruolo delle criptovalute in Turchia

Le criptovalute e in particolar modo bitcoin (BTC), stanno sempre più prendendo piede in Turchia.

Infatti, a causa principalmente dell’inflazione della moneta nazione, la Lira turca, molti investitori e cittadini si stanno rifugiando in bitcoin. BTC che è sempre più considerato come un bene rifugio quasi al pari dell’oro.

Secondo una recente ricerca di Statista, ben un turco su cinque detiene o utilizza criptovalute.

Inoltre, la Turchia starebbe sviluppando una moneta digitale emessa dalla propria banca centrale con la speranza di poterla lanciare nel 2023.

The post BtcTurk: il logo dell’exchange sulle magliette dello Yeni Malatyaspor appeared first on The Cryptonomist.



Leggi l’articolo su cryptominando.it