Un team internazionale di ricercatori dell’università medica di Utrecht, in Olanda, e del Politecnico federale di Losanna ha sviluppato un nuovo metodo per realizzare fac simile di tessuti e piccoli organi attraverso la stampa 3D. In modo rapidissimo: è sufficiente infatti una manciata di secondi.

Il sistema è formulato a partire da idrogel (gel a base di acqua) imbevuti di cellule staminali. Sottoponendo il materiale a luce a diverse lunghezze d’onda, queste vengono indotte a organizzarsi nella forma desiderata: piccoli polmoni, vasi sanguigni e valvole cardiache, un menisco, persino delle ossa. In questo video, diffuso dai ricercatori a corredo dello studio, li vediamo materializzarsi sotto i nostri occhi.

(Credit: Epfl)

The post Capire il bioprinting da molto vicino appeared first on Wired.



Leggi l’articolo su wired.it