Lo ha imposto il Garante della privacy all’Agenzia delle entrate e alla Guardia di finanza: il rischio è di avere profili molto dettagliati su abitudini e consumi dei contribuenti



Leggi l’articolo su wired.it