In un’intervista fatta ieri al fondatore di Litecoin, Charlie Lee si è espresso in maniera molto chiara e negativa sull’halving di LTC e sul fatto che il valore della crypto potrebbe anche vedere un drop del 90%.

Infatti, Lee fa notare come, anche se bitcoin e litecoin hanno già affrontato una situazione simile, non è detto che si vedrà uno stesso pattern a livello di prezzi. Infatti, in molti ultimamente starebbero comprando LTC proprio in previsione dell’halving. 

Lee, invece, mette in guardia su questo nuovo halving: anche se si limita semplicemente a dimezzare il premio per chi mina il blocco, comunque costringerà tutti a riorganizzarsi sotto vari aspetti e molti miner potrebbero anche decidere di spegnere le macchine perché potrebbe non essere più conveniente minare.

Tra l’altro, Lee si espone anche sulla questione dell’andamento dei prezzi del mercato crypto e di come in una situazione del genere, dove tutti comprano in previsione dell’aumento del prezzo in maniera costante, sia possibile che in pochi istanti il prezzo di una crypto possa calare anche del 90%. Questo, spiega Lee, potrebbe accadere anche a LTC, con un drop significativo del prezzo.

Lee nel 2017 aveva dichiarato di aver venduto tutti i propri Litecoin al fine di non essere giudicato colpevole di beneficiare del proprio potere per movimentare il prezzo di LTC.

“Ho venduto/donato tutti i miei LTC. Litecoin mi è stata molto utile dal punto di vista finanziario, per cui sono sufficientemente benestante da non dover più legare il mio successo finanziario al successo di Litecoin. Per la prima volta in più di 6 anni, non possiedo più un singolo LTC che non sia conservato in un Litecoin fisico”.

Questo aveva dichiarato su Reddit.

The post Charlie Lee: “l’halving causerà un drop del prezzo di Litecoin” appeared first on The Cryptonomist.



Leggi l’articolo su cryptominando.it