di Francesco Nasato
Il concetto di tifo nella NBA è diverso da quello a cui siamo abituati, soprattutto nel calcio. Niente ultras, niente striscioni, niente spostamenti di massa in trasferta, niente cori, tamburi o bandiere. Anche all’interno della lega sportiva più globale e spettacolare del mondo, in cui agonismo e intrattenimento si sfiorano di continuo, non mancano però personaggi che del loro tifo e passione per il basket hanno fatto un segno distintivo.
Su tutti due nomi che con percorsi diversi sono arrivati allo status di “superfan”: James,
detto Jimmy, Goldstein e Nav Bhatia, dall’India al Canada partendo con zero dollari nelle tasche e una laurea in ingegneria.
Jimmy Goldstein è un’icona della NBA senza aver mai giocato un singolo minuto nel corso della sua vita da professionista. 80 anni il prossimo 5 gennaio, moda, architettura e donne come interessi oltre al basket, se gli si chiede come sia diventato multimilionario si limita a dire “ho fatto alcuni investimenti…



Leggi l’articolo su blogstar.org.uk