Dal ministero dell’Interno all’Istituto superiore di sanità, dall’Agcom al Cnr: a un mese dalla circolare dell’Agenzia per la cybersicurezza nazionale contro le tecnologie russe, gli enti pubblici stracciano i contratti. Ma la società si difende. L’inchiesta di Wired



Leggi l’articolo su wired.it