(immagine: Unsplash)

Disinfettanti per le mani e le superfici domestiche, pulizia delle strade, sistemi di bonifica vari ed eventuali: tutto per distruggere il coronavirus. L’ultima novità sarebbero dei led che emettono luce Uv a 285 nanometri: in grado di eliminare il 99% delle particelle virali in meno di un minuto, secondo i ricercatori dell’Università di Tel Aviv che li hanno testati sarebbero efficienti quasi quanto quelli a frequenza più elevata, ma più economici e sostenibili.

Il team di Hadas Mamane ha condotto uno studio – il primo del genere secondo gli autori – che paragona l’efficienza di disinfezione tramite raggi ultravioletti (Uv) a diverse lunghezze d’onda. Si sa infatti che gli Uv uccidono microbi come batteri e virus danneggiandone il materiale genetico: sistemi simili sono già adottati in contesti dove la sterilità è importantissima (per esempio in alcuni laboratori di ricerca o su strumenti sanitari), ma non sono economici e la loro gestione esige manutenzione e qualche accortezza.

Con i loro test Mamane e i suoi collaboratori hanno confermato che le lunghezze d’onda più efficaci per eliminare particelle virali come quelle di Sars-Cov-2 sono quelle intorno ai 265 nanometri, tuttavia usando led Uv a 285 nanometri si ottiene comunque l’eliminazione dei oltre il 99% dei germi in meno di un minuto.

“Abbiamo scoperto che è abbastanza semplice uccidere il coronavirus utilizzando lampadine led che irradiano luce ultravioletta”, ha spiegato Mamane. “Abbiamo ucciso i virus utilizzando lampadine led più economiche e più prontamente disponibili, che consumano poca energia e non contengono mercurio come le normali lampadine”.

Questo risultato secondo i ricercatori avrà un impatto commerciale e sociale. “Il mondo intero sta attualmente cercando soluzioni efficaci per eliminare il coronavirus”, ha aggiunto Mamane. “Il problema è che per disinfettare un autobus, un treno, un palazzetto dello sport o un aereo mediante irrorazione chimica è necessaria manodopera fisica e, affinché l’irrorazione sia efficace, è necessario dare alla sostanza chimica il tempo di agire sulla superficie”. I led invece potrebbero essere installati nei sistemi di ventilazione e condizionamento, e in quelli di aspirazione di aria e acqua per disinfettare superfici e ambienti anche grandi.

Attenzione, però: i sistemi Uv non sono consigliati per sterilizzare gli ambienti domestici. Le persone infatti non dovrebbero essere nei paraggi quando sono in funzione.

The post Ci sono dei nuovi led Uv che ucciderebbero il coronavirus appeared first on Wired.



Leggi l’articolo su wired.it