(foto: Hakan Nural/Unsplash)

L’Ordinanza del 9 aprile firmata dal commissario straordinario all’emergenza Covid-19 Francesco Paolo Figliuolo stabilisce la priorità assoluta all’interno del piano vaccinale agli anziani e alle persone vulnerabili insieme ai loro caregiver. Intanto il ministro della Salute Roberto Speranza ha annunciato una ordinanza basata sul parere di Aifa approva la possibilità di estendere l’intervallo tra le due dosi di vaccino a mRna fino a un massimo di 42 giorni.

Quali gli effetti sulle modalità di prenotazione del vaccino ani-Covid nelle varie regioni? Ecco cosa cambia.

 Abruzzo

L’Abruzzo continua la raccolta delle manifestazioni di interesse alla vaccinazione anti-Covid tramite la propria piattaforma online. Da qui si può accedere alle pagine riservate al personale docente e non docente delle scuole e università abruzzesi e al personale abruzzese docente e non docente delle scuole/università fuori dalla Regione Abruzzo, al personale dei centri di formazione accreditati, al personale asili nido pubblici e privati, agli operatori sanitari categorie prioritarie della fase I non ricomprese nella fase di avvio della vaccinazione, e agli ultraottantenni e alle persone con disabilità o fragilità. Il portale è stato poi aggiornato con la categoria delle persone tra i 75 e i 79 anni e con quella dei caregiver e familiari di assistiti in possesso di legge 104.

La regione, comunque, ha anche aderito alla piattaforma di prenotazione di Poste italiane. Le informazioni sono riportate su questo sito.

Basilicata

La Basilicata aveva scelto all’inizio un’altra strada. Non aveva implementato una piattaforma online per le prenotazioni, ma il piano vaccinale era stato programmato dalla regione sulla base dell’età anagrafica dei residenti. Nessuna prenotazione necessaria, ma i cittadini interessati dovevano essere contattati telefonicamente dal Cup o consultare i calendari vaccinali e presentarsi con un documento al punto vaccinale di riferimento. Ora invece è partita la piattaforma di Poste italiane : a partire dalle 14.00 di martedì 6 aprile i cittadini lucani appartenenti alle categorie più fragili potranno prenotarsi inserendo esclusivamente codice fiscale e numero di tessera sanitaria sul sito di Poste Italiane e al numero verde 800.00.99.66, attivo dal lunedì alla domenica dalle ore 8 alle ore 20.

Bolzano

La Provincia autonoma di Bolzano ha messo a disposizione le informazioni per la prenotazione del vaccino anti-Covid per le categorie interessate in questa fase del piano vaccinale a questo indirizzo web. Dal 1° aprile è possibile prenotare il vaccino per le persone che hanno più di 70 anni (qui più informazioni sulle categorie). Vengono vaccinati con priorità anche i caregiver/familiari di persone vulnerabili.

Calabria

La Calabria, che ha adottato la piattaforma di prenotazione di Poste italiane, ha cominciato le vaccinazioni degli ultraottantenni il 22 febbraio, secondo il cronoprogramma della regione. Gli aventi diritto ricevono una chiamata dal proprio medico di medicina generale per fissare un appuntamento. Dal 21 marzo, tramite piattaforma online, possono prenotarsi anche i soggetti fragili (qui l’elenco completo).

Dal 7 aprile sulla piattaforma è attiva la prenotazione per i soggetti con età superiore ai 70 anni.

Per i caregiver che volessero fare richiesta, invece, è previsto un passaggio in  più. In una nota della regione si legge: “Nei prossimi giorni, sarà disponibile la piattaforma informatica, messa a punto dalla Protezione civile, con la quale raccogliere le istanze dei soggetti che forniscono assistenza a un soggetto non autosufficiente, con problematiche dovute a disabilità e/o invalidità. A seguito di tale registrazione, dopo le dovute verifiche del caso, il soggetto caregiver potrà effettuare la prenotazione della somministrazione sulla piattaforma di Poste italiane.

Campania

La Campania si è organizzata con una piattaforma web per la prenotazione. Il form chiede l’inserimento di codice fiscale e numero di tessera sanitaria, poi di fornire recapiti mail e telefonico.

Dal 13 marzo la prenotazione è possibile anche per gli over 70 a questo link. Dal 10 aprile la piattaforma è attiva anche per la prenotazione nella fascia d’età 60-69 anni (qui).

Le somministrazioni procederanno in base alla disponibilità dei vaccini, ha voluto sottolineato il governatore campano De Luca, che, nel battibecco a distanza con il commissario straordinario Figliuolo sulle categorie prioritarie per la vaccinazione, ha ribadito la drammatica carenza di vaccini Pfizer e Moderna, con un accumulo di dosi AstraZeneca rifiutate. La Campania, insiste De Luca, terminerà l’immunizzazione degli over 80 questa settimana e dei non deambulanti nelle prossime due settimane, e pur rispettando le priorità del piano vaccinale nazionale per fasce d’età ha intenzione di destinare le dosi rifiutate di AstraZeneca anche per categorie economiche.

Emilia Romagna

Sul sito della Regione Emilia Romagna si trovano tutte le informazioni relative alle prenotazioni per le categorie prioritarie nel piano vaccinale anti-Covid. Questo il programma:

– dal 1° marzo tutte le persone di 80 anni e più, nate nel 1941 e negli anni precedenti;
– dal 15 marzo le persone di età compresa tra i 75 e i 79 anni (i nati negli anni 1942, 1943, 1944, 1945 e 1946);

– dal 12 aprile le persone con età dai 70 ai 74 anni (i nati negli anni 1947, 1948, 1949, 1950 e 1951).

È possibile prenotare recandosi agli sportelli dei Cup, o nelle farmacie con prenotazioni Cup; online attraverso il Fascicolo sanitario elettronico, l’app Er Salute e il CupWeb. Altrimenti telefonando ai numeri previsti nella Usl di appartenenza per la prenotazione telefonica.

Friuli Venezia Giulia

Come si legge sul sito della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia, “dal 10 febbraio è possibile per tutti i cittadini che abbiano compiuto 80 anni prenotare la vaccinazione contro il Covid-19, la cui somministrazione inizierà il 15 febbraio. La vaccinazione si può prenotare tramite il Cup delle Aziende Sanitarie e delle farmacie, oppure tramite il Call center al numero unico 0434 223522.

Una novità: dal 13 aprile si aggiunge un nuovo canale per la prenotazione della vaccinazione anti-Covid, quello telematico: una app utilizzabile da dispositivi mobili e da Pc (qui i dettagli).

Si procederà alla vaccinazione delle categorie prioritarie della Fase 2 in base alla disponibilità di vaccini. Da mercoledì 24 marzo è iniziata la vaccinazione per le persone estremamente vulnerabili e per chi ha tra i 75 e i 79 anni, mentre da giovedì 1° aprile sono aperte e prenotazioni per le persone tra i 70 e i 74 anni (maggiori informazioni qui). Dal 10 aprile possono prenotare la vaccinazione anti-Covid tutte le persone dai 60 anni compiuti, ma a seguito del recepimento dell’ordinanza del 9 aprile di Figliuolo “le vaccinazioni e le prenotazioni dei soggetti appartenenti alla categoria ‘servizi essenziali’ con età inferiore a 60 anni compiuti sono sospese” (qui altri dettagli).

Lazio

Tutte le informazioni sui vaccini anti-Covid, su chi può prenotarsi e come sono consultabili sul sito della regione. Per gli ultraottantenni (nati fino al 1941), in particolare, le prenotazioni sono state aperte dal 1° febbraio (ma era aperta anche l’iscrizione per il personale scolastico e alcuni tipi di pazienti vulnerabili).

Ecco la scansione temporale delle prenotazioni prevista finora per le altre categorie:
– 60-61 anni (anni di nascita 1960-1961):  dalle ore 00:00 di martedì 13 aprile 2021 in poi;
– 62-63 anni (anni di nascita 1958-1959): dalle ore 00:00 di sabato 10 aprile 2021 in poi;
– 64-65 anni (anni di nascita 1956 e 1957): dal 7 aprile 2021 in poi;
– 66-67 anni (anni di nascita 1954 e 1955): dal 1° aprile in poi;
– 68-69 anni (anni di nascita 1952 e 1953): dal 27 marzo in poi;
– 71-70 anni (anni di nascita 1950 e 1951): dal 20 marzo in poi;
– 73-72 anni (anni di nascita 1948 e 1949): dal 15 marzo in poi;
– 75 -74 anni (anni di nascita 1946 e 1947): dal 12 marzo in poi;
– 77-76 anni (anni di nascita 1944 e 1945): dal 10 marzo in poi.
 La prenotazione può essere effettuata online, oppure chiamando l’assistenza al numero 06 164161841Qui invece le Faq della regione sui vaccini anti-Covid.

Liguria

La Regione Liguria ha attivato un sito per gestire le prenotazioni dei vaccini anti-Covid-19. Al momento è possibile prenotare se si rientra nelle seguenti categorie:

– persone con più di 80 anni;
– persone molto vulnerabili con meno di 80 anni;
– persone con età compresa tra i 70 e i 79 anni;
– personale scolastico e universitario, delle forze di polizia, degli uffici giudiziari e della Protezione civile.

È poi pronto il calendario delle prossime prenotazioni per fascia d’età, così come previsto dall’Ordinanza del commissario Figliuolo:

– 65-69 anni dal 16 aprile;
– 60-64 anni dal 23 aprile;
– 55-59 anni dall’11 maggio;
–  50-54 anni dal 18 maggio;
– 45-49 anni dall’8 giugno;
– 40-44 anni dal 15 giugno.

La prenotazione può avvenire sul sito, tramite numero verde 800 938 818 (dalle 8:00 alle 18:00), presso gli sportelli Cup, le Asl, gli ospedali, o le farmacie che effettuano servizio Cup.

Le prenotazioni della vaccinazione anti-Covid per le persone con  disabilità grave (identificate dalle Asl), per i loro conviventi e caregiver sono attive e in corso.

Lombardia

Come indicato sul sito dedicato all’emergenza, in Regione Lombardia gli over 80 possono chiamare il numero verde 800 894 545, e dal 15 febbraio è possibile aderire alla campagna di vaccinazione attraverso la piattaforma online. Lo stesso sistema è valido anche per i cittadini lombardi di età compresa tra i 60 e i 79 anni residenti nei comuni dichiarati ad alto rischio e quindi considerati prioritari. “I cittadini che registrano la propria adesione, saranno informati successivamente tramite sms (o riceveranno una chiamata, se è stato fornito il solo numero fisso) della data, dell’ora e del luogo in cui sarà eseguita la vaccinazione”.

Inoltre, dal 2 aprile è possibile prenotarsi anche se si hanno tra i 75 e i 79 annisempre sullo stesso sito.

Per riassumere, si può vaccinare:

– chi ha più di 80 anni (comprese le persone nate nel 1941)
– chi ha tra 75 e 79 anni (nati tra il 1942 e il 1946);
– chi ha età compresa tra i 60 e i 79 anni e risiede nei comuni ad alto rischio (per la provincia di Brescia: Capriolo, Iseo, Palazzolo sull’Oglio, Paratico, Pontoglio, Roccafranca, Rudiano, Urago d’Oglio; per la provincia di Cremona: Soncino)
– il personale delle scuole statali (docente e non docente, supplenti, dirigenti scolastici);
– il personale degli Istituti di formazione professionale e degli Istituti tecnici superiori;
– il personale scolastico (docente e non docente) delle scuole paritarie;
– il personale dei servizi educativi per l’infanzia e delle scuole per l’infanzia;
– il personale docente e non docente del Sistema Afam.

Nei piani della regione le prossime prenotazioni attivate saranno:

– dal 15 aprile per le persone tra i 70 e i 74 anni (vaccinazione dal 27 aprile all’8 maggio);
– dal 22 aprile per le persone tra i 60 e i 69 anni (vaccinazione dal 9 al 18 maggio);
– dal 30 aprile per le persone tra i 50 e i 59 anni (vaccinazione dal 19 maggio al 7 giugno);
– dal 14 maggio per le persone under 49.

Tuttavia, dicono dalla regione, le date potrebbero cambiare in relazione alle disponibilità di vaccini: le prenotazioni verranno effettivamente aperte alla conferma delle dosi di vaccino che verranno consegnate. “Noi abbiamo le liste fino a fine aprile e sappiamo che fino a quella data riusciremo a vaccinare tutti gli over 70. Ci manca ancora la programmazione di maggio ed è importante averla per poter capire quali categorie per fascia d’età poter vaccinare”, ha detto l’assessora al Welfare Letizia Moratti a Rai News 24. “Avere la programmazione di maggio è indispensabile anche per poter capire quando iniziare la vaccinazione delle aziende, perché anche su questo dobbiamo avere delle regole chiare: quali fasce d’età e quali categorie aziendali vaccinare per prima. Vogliamo rispettare le regole nazionali, ma le dobbiamo conoscere perché le vaccinazioni aziendali ci portano via un carico importante agli ospedali e ne alleggeriscono la pressione“.

Marche

Dal 12 febbraio sul portale dell’Azienda sanitaria unica regionale delle Marche è possibile prenotare la vaccinazione anti-Covid per i cittadini che hanno un’età pari o superiore agli 80 anni. La prenotazione passa per la piattaforma di Poste e il numero verde 800.00.99.66. Al momento è possibile prenotare anche per le persone che hanno tra i 70 e i 79 anni (nati tra 1942 e 1951), oltre che per operatori sanitari, personale scolastico e forze dell’ordine. Le prossime categorie segnalate nel piano vaccinazioni della regione sono: caregiver e conviventi di disabili e estremamente vulnerabili, cittadini dai 60 ai 69 anni, persone con comorbidità under 60, comunità residenziali, resto della popolazione dai 16 ai 59 anni.

Molise

Le modalità per l’adesione alla vaccinazione anti-Covid in Molise sono illustrate in questa pagina web. C’è una sezione dedicata agli ultraottantenni, che possono dunque prenotarsi online sulla stessa piattaforma oppure chiamare all’ 800 329 500 da telefono fisso o al 0865724242 da cellulare. Sono aperte le prenotazioni per le persone estremamente vulnerabili (e i conviventi) e per il personale scolastico. Dal 7 aprile è possibile prenotare la vaccinazione anche per chi ha tra i 70 e i 79 anni.

Piemonte

Il Piemonte ha cominciato a raccogliere le adesioni alla campagna di vaccinazione anti-Covid degli ultraottantenni dal 15 febbraio tramite i medici di medicina generale, che poi devono registrare la volontà dei propri assistiti sull’apposita piattaforma regionale. Gli appuntamenti sono finalizzati dall’Asl di competenza e i cittadini informati anche tramite sms o e-mail. Le somministrazioni sono iniziate il 21 febbraio. Per il personale scolastico e universitario piemontese, invece, bisogna seguire le indicazioni contenute in questa pagina web. Dal 15 marzo sono iniziate le preadesioni per le persone con età compresa tra i 70 e i 79 anni, sempre sulla stessa piattaforma. Ora anche le persone tra i 60 e i 69 anni possono esprimere la preadesione alla campagna vaccinale.

soggetti affetti da patologie gravi (“estremamente vulnerabili”) non dovranno effettuare la preadesione on line perché saranno inseriti nel piano vaccinale dal proprio medico di famiglia.

Puglia

Gli over 80 pugliesi possono prenotare la vaccinazione anti-Covid tramite il sito di PugliaSalute, nelle farmacie abilitate al servizio Farmacup e tramite il Cup della propria Asl. Qui tutti i riferimenti.

Dal 29 marzo le persone dai 70 anni in su che desiderano ricevere la vaccinazione anti-Covid possono segnalare la propria adesione alla campagna accedendo alla piattaforma online lapugliativaccina.it , oppure tramite il numero verde 800.71.39.31 attivo dal lunedì al sabato dalle 8 alle 20 e le farmacie accreditate al servizio FarmaCUP. Le vaccinazioni sono previste dal 12 aprile, seguendo il criterio di anzianità.

Le persone tra 60 e 79 anni che non siano in condizioni di fragilità  potranno manifestare la propria adesione a partire dal 12 aprile. Le vaccinazioni saranno somministrate dal 26 aprile.
Le persone con meno di 60 anni con patologie o situazioni di compromissione immunologica (ma che non rientrano nella categoria degli “estremamente vulnerabili”) devono attendere la chiamata del proprio medico di medicina generale. Le somministrazioni sono previste dal 3 maggio.
Per tutte le altre categorie si rimanda a questa pagina creata dalla Regione Puglia.

Sardegna

La Sardegna ha pubblicato il proprio piano  e il cronoprogramma della campagna vaccinale anti-Covid. Per gli over 80 che non sono residenti nelle strutture socio-sanitarie della regione la campagna parte il primo marzo per i nati fino al 1936, e dal 15 marzo per i nati dal 1937 al 1941. “A partire dal primo marzo, verrà inviato un sms per invitare il cittadino a manifestare la volontà di aderire alla campagna vaccinale. Si procederà quindi a prenotare gli aderenti che saranno contattati dalle segreterie Cup per comunicare ad essi la data ed il luogo della somministrazione del vaccino. Per gli over 80 che non hanno avuto la possibilità di aderire o per coloro che hanno necessità della somministrazione a domicilio, saranno disponibili dal primo aprile ulteriori canali di contatto: sportelli Cup, chiamata diretta da parte delle segreterie Cup sulla base delle liste; prenotazione telefonica tramite il numero unico 1533. Da cronoprogramma regionale, le vaccinazioni per le persone tra i 59 e i 79 anni inizieranno ad aprile per finire a giugno, cominciando dai più anziani.

In particolare sono ora aperte le adesioni per gli over 70: “I cittadini nati dal 1942 al 1951, che non hanno alcuna esenzione per patologia, possono manifestare la propria adesione alla campagna vaccinale tramite registrazione sul portale https://vaccinocovid.sardegnasalute.it/vaccinocovid/index.php in maniera progressiva secondo il seguente calendario:
da mercoledì 31 marzo, i cittadini nati nel 1942, 1943 e 1944
da venerdì 2 aprile, i cittadini nati nel 1945 e 1946
da martedì 6 aprile, i cittadini nati nel 1947, 1948, 1949, 1950 e 1951.

I cittadini che, in tal modo, avranno espresso la loro adesione, riceveranno un sms con indicazione dell’ora e del luogo dove presentarsi per effettuare la vaccinazione, con il vaccino AstraZeneca”.

È attiva inoltre la piattaforma online per l’adesione alla campagna vaccinale, riservata per il momento agli over80 (che non siano ancora stati contattati), al personale docente e non docente di scuole statali e paritarie, al personale della polizia municipale. Il nominativo dei cittadini nati dal 1942 al 1946 che non hanno alcuna esenzione per patologia verrà progressivamente inserito in questo portale.

Sicilia

La Sicilia ha aderito alla piattaforma online di Poste italiane, ma la prenotazione per le persone estremamente vulnerabili, per chi ha 65-79 anni (a cui è rivolta la somministrazione del vaccino AstraZeneca secondo le normative nazionali vigenti), per chi afferisce al mondo della scuola può essere effettuata anche dal portale CostruireSalute.it. Gli ultraottantenni possono prenotare la vaccinazione, oltre che dal portale, compilando online la scheda di pre-adesione oppure chiamando al numero verde 800 009 966. Lo stesso vale ora per chi ha tra i 70 e i 79 anni, in una sezione dedicata.

Toscana

Come indicato sul sito della Regione, “a partire da metà febbraio le persone con più di 80 anni saranno contattate personalmente dal proprio medico di famiglia che comunicherà loro il giorno e il luogo della vaccinazione. Per chi è impossibilitato a muoversi la vaccinazione sarà effettuata al domicilio”.

Dal 10 marzo sono aperte le prenotazioni anche per le persone dai 76 ai 79 anni, nati nel 1941-42-43-44. Possibili anche le prenotazioni per i nati fino al 1951, previa disponibilità di dosi.

Per ulteriori informazioni è possibile consultare il portale prenotavaccino.sanita.toscana.it. Chi rientra nelle categorie prioritarie, ma non ha modo di prenotare per esaurimento della disponibilità di vaccini può essere inserito nelle liste di riserva del punto vaccinale più vicino alla propria abitazione.

Trento

Per informazioni sulla vaccinazione anti-Covid nella Provincia autonoma di Trento è possibile consultare le Faq sul sito dedicato. Per gli over 80, gli assistiti con elevata fragilità o certificazione di grave handicap la prenotazione va effettuata tramite Cup online. Prenotando la prima dose viene in automatico fissato l’appuntamento per il richiamo.

Dalle 23:00 di sabato 13 marzo possono prenotare anche le persone che hanno compiuto 75 anni, e ora anche i nati tra il 1947 e il 1951, sempre sulla stessa piattaforma.

Stesso sistema per la prenotazione da parte di forze dell’ordine e personale docente e non docente delle scuole di ogni ordine e grado, asili nido compresi.

Umbria

Sul portale della Regione Umbria  si trovano le informazioni per la vaccinazione anti-Covid. Due le modalità di prenotazione: il portale web Cup Umbria oppure presso tutte le farmacie. Il numero per assistenza e informazioni è 800.192.835. Ecco il calendario previsto dalla regione:

– dal 31 marzo i soggetti estremamente vulnerabili;
– dal 1° aprile le persone di età compresa tra 70 e 79 anni (dal 1942 al 1951 compresi);
– dal 6 aprile i caregiver, i familiari conviventi e i soggetti delle categorie attualmente vaccinabili, risultati positivi al Covid-19 dopo il 1° settembre 2020. Attualmente sospesa per mancanza di dosi.

A seguito dell’ordinanza nazionale n.6/2021 del Commissario per l’emergenza Covid-19 , è sospesa la prenotazione della prima dose (verrà garantita la seconda dose) per le seguenti categorie:

– il personale scolastico docente e non docente (inclusi supplenti);
– personale universitario docente e non docente;
– studenti dell’area sanitaria;
– forze dell’ordine (Guardia di Finanza, Polizia di Stato, Carabinieri, Vigili del Fuoco, Polizia Provinciale, Polizia Municipale)
Istituti penitenziari (Polizia Penitenziaria, Personale carcerario, Detenuti);
– personale degli istituti penitenziari e detenuti;
– personale protezione civile;
– volontariato del soccorso pubblico.

Valle D’Aosta

Dal primo marzo la Valle d’Aosta ha avviato la campagna di vaccinazione di massa, pur rispettando le priorità stabilite dal piano nazionale. Sarà infatti la Usl a contattare la popolazione per raccogliere le adesioni. Tutte le informazioni sono reperibili sul sito anticovid.regione.vda.it e sul sito della Usl alla sezione Infovaccini. L’appuntamento dovrà poi essere confermato con le modalità indicate.

Veneto

Il Veneto è in fase di completamento della fase 1.B del programma vaccinale, che comprende i nati fino al 1941, e della fase 2 dedicata ai soggetti estremamente vulnerabili indipendentemente dall’età e ai lavoratori dei servizi essenziali. Come si legge sul sito della Regione, successivamente (o in contemporanea, in funzione della disponibilità del vaccino) si procederà con la chiamata dei soggetti di età compresa tra 79 ed i 55 anni, partendo con la chiamata della coorte dei 79enni (nati nel 1942) e proseguendo verso le coorti più giovani“.

La Regione ha scelto di procedere per contatto diretto che avverrà da parte delle Ulss competenti. Maggiori informazioni su modalità di convocazione e l’elenco delle sedi vaccinali sono disponibili a questo link. Ora per le categorie per le quali è possibile accedere alla vaccinazione è anche possibile prenotare online e scegliere le sedi più vicine e nelle giornate con orari disponibili presso la Ulss di riferimento.

The post Come cambia la prenotazione del vaccino anti-Covid col nuovo piano vaccinale appeared first on Wired.



Leggi l’articolo su wired.it