Copertina del New York magazine dedicata all’epidemia da coronavirus negli Usa (foto: Cindy Ord/Getty Images)

I numeri delle persone risultate positive al coronavirus sono sempre in aumento, ma quante sono le persone colpite dall’ansia, dallo stress o dalla paura a causa della pandemia in atto? È bene premettere che la paura è normale, anzi, è essenziale. La paura ci ha permesso di evolvere, è grazie alla paura che abbiamo imparato a difenderci dagli animali feroci fuori dalle caverne, dalle malattie o dai cibi velenosi. La paura è quindi funzionale a farci mettere in atto quei comportamenti preventivi che tutelano la nostra salute e quella degli altri.

Quando però la paura ci spinge a prendere misure sproporzionate rispetto a quelle indicate, oppure ci porta a uno stato di malessere profondo, può diventare terrore, depressione, ansia, o fobia. A quel punto la paura diviene patologica e non solo non ci aiuta, ma ci può danneggiare. Uno stato di elevata ansia, paura o stress può compromettere la nostra lucidità nel prendere decisioni, ma può anche ridurre il nostro benessere psicofisico e indebolirci. Ecco perché è indispensabile mantenere la calma: proviamo dunque a dare qualche consiglio pratico per aiutarci a gestire questo difficile momento:

Informati, ma non informarti troppo: limita il tempo a cui pensi ai problemi

Decidi di dedicare un tempo limitato all’informazione; per esempio, potresti decidere di guardare solo un’edizione giornaliera del telegiornale, o di guardare solo un sito web di informazione, e di farlo solo una volta o due al giorno. Lasciarti bombardare da notizie e informazioni potrebbe portare a una condizione di sovraccarico cognitivo che favorirà solo l’insorgere di preoccupazioni e ansia.

Attento ai social network: cerca di essere più gentile

Ti sarai accorto che anche i social sono invasi da post sul coronavirus. Non farti prendere la mano: non condividere tutto, in particolare non condividere notizie infondate, non far circolare post di pseudo-catene, non dar retta agli audio WhatsApp di presunti esperti. Usa i social per qualcosa di positivo, inserisci in rete un po’ di gentilezza, di notizie positive, di consigli su come impiegare il proprio tempo a casa.

Riscopri il valore della casa: inizia qualcosa di nuovo

Prenditi cura anche della tua casa, dei tuoi spazi, dei tuoi cari, dei tuoi animali. Soprattutto, prenditi cura di te. A casa si possono riscoprire un sacco di cose nuove che si possono fare. Puoi finalmente trovare il tempo per prenderti cura di te stesso e del tuo corpo. Può essere l’occasione di iniziare un corso di yoga online, leggere un libro o ascoltare un audiolibro, riprendere un gioco da tavolo che hai chiuso da un po’ nell’armadio, ascoltare la tua musica preferita, dipingere, meditare. Siamo così abituati sempre a correre, ora abbiamo l’occasione di riscoprire la bellezza di fermarci e forse anche di annoiarci. All’inizio potrà sempre difficile, se non intollerabile, ma se riuscirai a cogliere il lato positivo di questa situazione ne uscirai più forte di prima!

Non farti prendere dall’ansia: è normale essere preoccupati

Ricordati che è necessario rispettare prima di tutto alcune regole base: rispetta il ritmo sonno-veglia, andando a dormire e svegliandoti con regolarità, cerca di fare pasti regolari, non aver paura dell’ansia. In questo momento può essere normale provare un po’ di ansia, normalizzala: non sei solo, ed è assolutamente umano ciò che stai provando. L’importante, è non aver paura dell’ansia, altrimenti potresti favorirne la crescita. Vedila come un’esperienza diversa, una cosa nuova da imparare. Capirai che se riesci ad accettare l’ansia senza lottarci troppo, sarà molto più facile farla andar via. Concentrati sulle cose positive che puoi fare. Se senti che l’ansia non migliora però, non esitare a chiedere aiuto. Se già da prima della pandemia in atto soffrivi di ansia o eri particolarmente preoccupato per la tua igiene o eri spesso in ansia per la tua salute, non esitare a cogliere occasione ora per chiedere aiuto: molti psicoterapeuti lavorano online in questo momento, approfittane!

Stai vicino (emotivamente) ai bambini e ai nonni: ti regaleranno tanti sorrisi

Nonni e bambini sono una risorsa incredibile. Certo, loro hanno bisogno di noi, hanno bisogno di essere rassicurati in questo momento difficile. Ricorda che non bastano le parole: i bambini – come gli anziani – ascoltano più le nostre emozioni delle nostre parole. Stare con loro può essere estremamente appagante, ci può far tornare alla nostra infanzia, possiamo divertirci con loro, possiamo ridere con loro. Far sorridere un bambino e vederlo sicuro e sereno grazie a noi sarà una ricompensa notevole per il nostro impegno nei loro confronti.

The post Come gestire l’ansia da coronavirus, secondo uno psicologo appeared first on Wired.



Leggi l’articolo su wired.it