(foto: Getty Images)

Qualsiasi mascherina è meglio di nessuna mascherina per limitare la diffusione del nuovo coronavirus. Lo confermerebbe una ricerca, pubblicata sulla rivista Physics of Fluids, condotta dagli esperti dell’Indian Space Research Organization e dello Sri Jayadeva Institute of Cardiovascular Sciences and Research che attraverso una serie di esperimenti hanno visualizzato come cambia la dinamica di un colpo di tosse libero e con diversi tipi di mascherina. Spoiler: le mascherine N95 sono le più efficaci.

I ricercatori hanno utilizzato una tecnica di fluidodinamica chiamata schlieren imaging che visualizza i cambiamenti di temperatura e densità dell’aria. Dal momento che quella espulsa con un colpo di tosse è più calda del mezzo circostante, gli esperti hanno potuto registrare l’andamento del flusso (velocità e diffusione) dei colpi di tosse emessi da 5 volontari in diverse condizioni di copertura della bocca.

coronavirus
(immagine: Simha and Rao, Physics of Fluids, 2020)

Ciò che è emerso è che un colpo di tosse libero, a bocca scoperta, viaggia fino a 3 metri di distanza. Se però applichiamo una semplice mascherina usa e getta la distanza si riduce a 0,5 metri, mentre con una N95 la velocità del flusso si abbassa di 10 volte e la diffusione è limitata tra 0,1 e 0,25 metri.

Altri risultati potrebbero apparire un po’ meno intuitivi. Per esempio i ricercatori hanno scoperto che tossire nell’interno del braccio è sostanzialmente inutile se il braccio è nudo: non si crea abbastanza adesione tra il viso e l’arto e non c’è niente che interferisca con il flusso, per cui il colpo di tosse fuoriesce diffondendosi in tutte le direzioni. Va già meglio, invece, se c’è una manica di stoffa a fare da filtro: in questo caso il flusso del colpo di tosse è molto più contenuto.

coronavirus
(immagine: Simha and Rao, Physics of Fluids, 2020)

Ovviamente la quantità di particelle bloccate dipende dal tipo di filtro applicato, ma, anche se non è possibile indossare sempre maschere sofisticate, limitare la diffusione del flusso è sempre meglio di niente – sostengono i ricercatori, che in una dichiarazione auspicano che lo studio metta fine alle polemiche di chi sostiene che le mascherine di stoffa siano del tutto inutili. In modo simile a quanto avviene tossendo nel gomito coperto dalla manica o mettendo un fazzoletto davanti alla bocca, non lo sono – insistono – sottolineando comunque la necessità di mantenere il distanziamento sociale in qualsiasi caso.

The post Coronavirus, ecco le mascherine che contengono meglio un colpo di tosse appeared first on Wired.



Leggi l’articolo su wired.it