Sono particolari strutture che si ripetono e sono regolari nel tempo invece che nello spazio, come avviene per i cristalli tradizionali. Un gruppo di Stanford li ha ottenuti grazie al processore quantistico Sycamore



Leggi l’articolo su wired.it