Circa due mesi fa vi avevamo riportato dell’attacco hacker subito da Cryptopia, exchange coin-to-coin noto per le centinaia di altcoins presenti e spesso usato per schemi di Pump e Dump organizzati.

L’entità del furto, che ha coinvolto migliaia di wallet appartenenti a diversi utenti, non è mai stata dichiarata. Stando però alle stime di Elementus, la somma sottratta ammonterebbe a ben 16 milioni di Dollari, ripartiti fra Ethereum e token ERC20.

Il dettaglio più inquietante però riguardava il tipo di attacco subito dall’exchange Cryptopia. Infatti, a differenza di tanti altri furti ed hack avvenuti in passato, l’attacco a Cryptopia ha coinvolto ben 76mila differenti wallet appartenenti agli utenti. Ciò significa che i malintenzionati hanno avuto accesso alle chiavi private di tutti questi wallet direttamente dalla piattaforma. Un attacco alquanto insolito dunque.

Tuttavia, i proprietari dell’exchange hanno deciso di far ripartire la piattaforma il prima possibile. Lo scorso 14 Febbraio infatti, gli utenti hanno avuto la possibilità di accedere nuovamente al sito web. Tuttavia non è stato possibile fare trading, prelevare o gestire i propri ordini.

Secondi gli ultimi Tweet e comunicati, il team ha intenzione di effettuare un vero e proprio “reboot” di Cryptopia, che dovrebbe avvenire già alla fine di questo mese. Vediamo qualche dettaglio in più!

Cryptopia riaprirà verso a fine Marzo. Nuova piattaforma in fase di test

Negli ultimi giorni infatti, Cryptopia ha effettuato alcuni aggiornamenti del proprio sistema di gestione interna della piattaforma in vista della riapertura attesa sul finire del mese di Marzo. Tra un update e l’altro, l’exchange in alcuni momenti è risultato inutilizzabile dagli utenti.

Come comunicato dall’account Twitter ufficiale di Cryptopia infatti, l’exchange è stato oggetto di un importante aggiornamento di sistema, motivo per cui il sito è stato messo in manutenzione per circa due ore.

Inoltre, Cryptopia ha comunicato che il team invierà una e-mail a tutti gli utenti colpiti dall’hack, in cui verrà spiegato in dettaglio cos’è accaduto e le manovre compiute da Cryptopia per evitare ulteriori furti, nonché ulteriori chiarimenti sulla presunta “exist scam” di alcuni membri dell’exchange.

Ci sono anche altre notizie per le vittime del furto, le quali, stando al comunicato di Cryptopia, verranno “rimborsate”. Naturalmente è lecito attendersi un rimborso graduale o parziale, derivante magari dalle fee maturate dall’utilizzo della piattaforma da parte dei propri utenti.

Infine, il team di Cryptopia ha mostrato di avere le migliori intenzioni, comunicando di voler riaprire il trading già alla fine del mese corrente. Riusciranno a mantenere l’impegno?

Vi invitiamo a seguirci sul nostro canale Telegram ed anche sul gruppo ufficiale Telegram, dove sarà possibile discutere insieme delle notizie e dell’andamento del mercato, sulla nostra pagina Facebook e sul nostro account Twitter.


La più grande community italiana dedicata alle criptovalute: Italian Crypto Club (ICC)

L’articolo Cryptopia riaprirà verso a fine Marzo. Nuova piattaforma in fase di test proviene da CryptoMinando.



Leggi l’articolo su cryptominando.it