(GettyImages)
Da domani 1 settembre banche e Poste dovranno segnalare alla Banca d’Italia i movimenti in contanti pari o superiori ai 10mila euro. Tali dati saranno utilizzati dall’Unità di Informazione Finanziaria (Uif) della Banca d’Italia per arricchire l’approfondimento delle segnalazioni sospette e per avviare analisi specifiche su flussi finanziari potenzialmente anomali. Le modifiche apportate dal decreto legislativo 90/2017 alla normativa antiriciclaggio prevedono infatti l’obbligo di trasmettere alla Uif, con cadenza periodica, dati e informazioni individuati in base a criteri oggettivi, concernenti operazioni a rischio di riciclaggio o di finanziament…



Leggi l’articolo su blogstar.org.uk