(Shutterstock)
“Non ho mai odiato un uomo a tal punto da restituirgli i gioielli ricevuti in regalo”. Grazie a Zsa Zsa Gabor la gerarchia delle cose è finalmente ristabilita, e possiamo esplorare la materia invisibile nella quale i gioielli sono immersi: il tempo.
La storia di Kramer of New York, dal momento che dura ancora, quasi non è storia. E’ l’emozione continua di gioielli irrimediabilmente vintage, perché Kramer ha chiuso per sempre nel 1980, ma attualissimi, e infatti in nessuna collezione di qualità manca un suo pezzo. Il valore non importa.
I monili di Kramer vivono oggi solo nel mercato secondario dei collezionisti, ma sfidano quelli di brand attualmente sul mercato principale. La competizione sembra impari, eppure non lo è.
Dove nasce questo mito? Dalla cristallizzazione di altri miti, a partire dalla 5th Avenue …



Leggi l’articolo su blogstar.org.uk