Da sinistra: Palladino, Palmieri e Forlante, co-fondatori di Docety. (Courtesy Docety)
PewDiePie, Zoella, Markiplier: fino a pochi anni fa erano nomi noti solo a ragazzini appassionati di videogame o makeup. Decine di milioni di ragazzi. Un bacino di utenza di Millennials e Gen Z, appassionato e fidelizzato, che nel tempo, crescendo, ha guadagnato un sempre più forte potere di acquisto, tanto che le aziende hanno iniziato a capire quale grossa opportunità si celasse dietro al fenomeno dei video influencer. Oggi lo Youtuber inizia finalmente anche in Italia a essere considerato una professione, alla base di un business in grado di muovere c…



Leggi l’articolo su blogstar.org.uk