Redatto da Oltre la Linea.

Dante Alighieri è finito nel mirino delle truppe intolleranti del politicamente corretto. A darne notizia è Libero, che spiega come Gerush92, “un gruppo per i diritti umani”, voglia depennare Dante Alighieri dai programmi scolastici perché nelle sue opere condanna i rapporti tra persone dello stesso sesso e mal sopporta l’Islam.

Come scrive Pino Farinotti sul giornale diretto da Vittorio Feltri, Secondo Gerush92 i contenuti danteschi non sarebbero inalienabili, non aderirebbero ai tempi, non sarebbero politicamente corretti. L’auspicio è che l’opera venga rimossa, cominciando a depennarla dai programmi scolastici. Dante viene definito «offensivo e discriminatorio».

L’Associazione liberal contro Dante Alighieri

L’associazione, prosegue, «accusa poi il fiorentino di non amare l’Islam. Oggi toccare l’Islam rappresenta un peri- colo mediatico e anche politico. Sappiamo. Ma nella sua epoca Dante attraversò una vicenda di una certa importanza, le Crociate, esattamente l’ottava, intrapresa per proteggere i cristiani in Siria. La scarsa simpatia per Maometto aveva una sua giustificazione. Dante sarebbe anche omofobo. La colpa sta nel dirlo naturalmente. Il poeta non aveva paura di esprimere quello che oggi è il “politicamente scorretto” appunto».

Prima Alain Delon, poi Dante

L’ultima crociata del politicamente corretto si era scagliata contro l’attore francese Alain Delon. Le femministe americane volevano che venisse consegnata la Palma d’Oro al «razzista», «omofobo» e naturalmente «sessita» Alain Delon. Come riporta Il Foglio, l’associazione femminista americana Woman and Hollywood ha chiesto a Thierry Frémaux, delegato del Festival di Cannes che si tiene in questi giorni, di fare retromarcia sulla scelta di premiare il celebre attore francese accusato di «sessismo» e «omofobia».

«Questo attore razzista, omofobo e misogino sarà onorato a Cannes», si intitola la petizione pubblicata sulla piattaforma Care2, una petizione già firmata da 15mila persone che sta trovando grande eco nei siti progressisti di mezzo mondo e una cassa di risonanza tra le femministe francesi». Fortunatamente Alain Delon è stato premiato come meritava.

(La Redazione)

 

 

L’articolo “Dante omofobo, via da scuola”, l’ultima crociata dei liberal originale proviene da Oltre la Linea.



Leggi l’articolo completo su oltrelalinea.news