A maggio diverse società – tra cui anche Zoom e Cisco – hanno reso disponibili delle patch per risolvere alcune gravi vulnerabilità



Leggi l’articolo su wired.it