Che cos’è il fabbisogno finanziario? come si calcola e perché ora è così importante monitorarlo insieme agli indicatori di allerta?

Il fabbisogno finanziario di un’impresa può essere definito come l’ammontare di risorse finanziarie necessario per acquistare i fattori produttivi in un determinato periodo. Questa definizione generica e “accademica” porta a trattare il fabbisogno finanziario come finanza necessaria a sostenere gli investimenti duraturi. I costi e gli investimenti sostenuti dall’azienda, non producono immediatamente i  frutti, sotto forma di flussi di cassa positivi, generando appunto il fabbisogno finanziario complessivo, da coprire con risorse interne o esterne.

Nel mondo aziendale e bancario, invece, per “fabbisogno finanziario” si intende il fabbisogno finanziario a breve o circolante. Il Fabbisogno Finanziario BT può essere quindi definito come l’ammontare di finanza necessaria per sostenere il ciclo monetario dell’impresa (assorbimento del capitale circolante). Per questo si parla spesso del fabbisogno finanziario o del circolante in relazione ai fidi autoliquidanti da richiedere/negoziare con gli istituti bancari (il castelletto SBF o anticipo fatture). Chiarito questo problema interpretativo, passiamo alla definizione e calcolo del …

L’articolo Fabbisogno finanziario e gli indicatori di allerta continua su SISTEMI DI ALLERTA.