Metà dei minori ucraini arrivati in Italia segue lezioni a distanza. Dietro ci sono motivi linguistici, di opportunità ma anche di coesione sociale e molti docenti si collegano dal fronte



Leggi l’articolo su wired.it