Il gruppo di cybercriminali Everest ha condiviso i 60 gigabyte di file sottratti a ottobre alla Società italiana degli autori ed editori. All’interno dati anagrafici, numeri di telefono, carte d’identità e dati bancari di artisti e altri iscritti



Leggi l’articolo su wired.it