I principali exchange sul mercato, come ad esempio Bitfinex e Binance, offrono un’ampia varietà di possibili tipi di ordine nel trading e ognuno di essi ha una specifica funzionalità per acquistare o vendere criptovalute.

Read this article in the English version here.

Posizioni Long e posizioni Short

Bisogna innanzitutto specificare il tipo di strategia che si intende adottare per fare trading. Vengono definite due tipi principali di strategie che prendono il nome di long position e short position.

Attuare una strategia a posizione lunga equivale ad entrare nel mercato sperando in una salita successiva del valore. Questa tipologia comporta una possibile perdita massima che è limitata. Infatti Il prezzo potrà, nel caso peggiore, arrivare a toccare quota 0 e quindi la somma investita andrà completamente persa.

Attuare una strategia a posizione corta equivale invece a puntare a trarre guadagno dalla discesa di valore di mercato di una data criptovaluta.

Solitamente si prende in prestito uno stock di token al prezzo attuale e alla data di scadenza del prestito si dovrà semplicemente pagare il prezzo a cui sarà arrivato il bene.

Se ad esempio si scommette sul fatto che una data criptovaluta diminuirà di valore ma essa in realtà rafforzerà il proprio valore il povero trader sarà costretto a pagare la differenza tra il valore raggiunto e quello d’ingresso.

Questa strategia, a differenza della precedente, potrebbe comportare invece una perdita teoricamente infinita nel caso di continuo trend rialzista del mercato.

I tipi di ordine nel trading

Market order

Tipologia di ordine base che consiste nell’acquistare o vendere un token istantaneamente e al prezzo di mercato attuale. Offre il vantaggio di essere subito operativi e di avere la certezza di eseguire l’acquisto. Di contro, in mercati molto volatili come quelli delle criptovalute, si potrebbe incappare in acquisti o vendite non al prezzo previsto inizialmente.

Limit order

Uno degli ordini più utilizzati e più semplici in quanto consiste nel stabilire un preciso prezzo di acquisto o di vendita. Solitamente si fissa un prezzo più alto del prezzo di ingresso per poter successivamente vendere in guadagno oppure per fissare un prezzo più basso del valore attuale di mercato per poter comprare con un margine di vantaggio.

Di contro c’è la possibilità che questi tipi di ordine non vengano mai presi in considerazione se il mercato non si sposta nella direzione sperata.

Stop Order

Funzionamento similare al Limit order ma differisce per il fatto che vengono impostate delle soglie di acquisto o di vendita. Se tali soglie vengono superate, solo allora avverrà la vendita o l’acquisto attraverso un ordine di tipo market.

Trailing Stop

Si tratta di uno stop order ma dinamico. Permette di impostare una percentuale o un valore di scostamento dal prezzo massimo (o minimo) che l’asset raggiungerà permettendo di continuare a guadagnare da un trend rialzista o di entrare con posizioni ancora più favorevoli in caso di trend negativo continuo.

Stop loss Order

L’applicazione più comune di uno Stop Order. I trader si impongono un limite, superato il quale non accettano più di subire perdite da un mercato in trend negativo ed escono vendendo al prezzo di soglia impostato inizialmente.

Conditional Order

E’ uno degli ordini più avanzati nel trading che non è presente in tutti gli exchange, ma è possibile trovarlo, ad esempio, su Bitfinex.

Questa tipologia di ordine automaticamente conferma od elimina ordini al verificarsi di certi criteri.

Si suddivide in OCO (Order Cancels Order) e in OSO (Order Sends Order). Ad esempio si può impostare sia un ordine di acquisto e sia uno di vendita a differenti prezzi. Al verificarsi del primo dei due eventi ne viene eseguito soltanto uno mentre l’altro viene cancellato.

Di contro, non si ha il controllo su quale dei due ordini possa avvenire per primo o addirittura potrebbero non essere mai soddisfatte entrambe le condizioni in caso di stabilità del mercato.

The post I principali tipi di ordine di acquisto e vendita nel trading di criptovalute appeared first on The Cryptonomist.



Leggi l’articolo su cryptominando.it