Sulle piattaforme di streaming c’è una proliferazione di programmi sempre più assurdi, che però hanno smesso di essere interessanti da tempo



Leggi l’articolo su wired.it