Il “Google cinese” fa il suo ingresso nell’automotive con un modello dotato di guida autonoma e controllo vocale, che illustra bene gli sforzi della Cina nel settore



Leggi l’articolo su wired.it