Con l’obiettivo di stroncare la diffusione di materiale pedopornografico, la Commissione europea mette in discussione la cifratura delle conversazioni e rischia di avvallare una serie di abusi



Leggi l’articolo su wired.it