L’azienda ha messo insieme un gruppo di ricercatori per analizzare i progetti in fase di sviluppo alla ricerca di difetti e vulnerabilità, nel tentativo di stare un passo avanti rispetto ai cybercriminali



Leggi l’articolo su wired.it