L’antica arte degli origami è sempre stata oggetto di ispirazione per i più creativi, ma anche per chi si occupa di tecnologia. E oggi per la prima volta ne vediamo un’applicazione in grande scala: che si tratti di strutture da dispiegare o gonfiabili, ecco una serie di concept che potrebbero avere impatto nelle situazioni di emergenza, come per esempio disastri naturali o guerre.

L’idea è di costruire veri e propri rifugi, dotati di pareti rigide e su scala metrica, che possono fornire una soluzione immediata per lo sviluppo di alloggi istantanei, capaci di bloccarsi stabilmente in pochi minuti e robusti a sufficienza da fornire un riparo fidato. Nel video, appena diffuso da Nature, alcuni prototipi.

(Credit: Nature)

The post Il lato hi-tech dell’origami appeared first on Wired.



Leggi l’articolo su wired.it