Redatto da Oltre la Linea.

Il Partito Democratico di Serbia è un partito parlamentare e di opposizione. Alle ultime elezioni parlamentari si è presentato in coalizione con il partito Serbo Dveri.

Il Partito Democratico di Serbia

Miloš Jovanović è il leader del partito. Si è laureato in giurisprudenza presso l’Università di Parigi 1, Pantheon – Sorbonne nel 1999. Ha terminato i suoi studi di Master presso la stessa Università nel 2001 nel campo delle relazioni internazionali ottenendo un dottorato di ricerca nel dicembre 2010.

Dal 2001 al 2005 è stato assistente in “Diritto costituzionale e sistemi politici comparati” presso la Facoltà di giurisprudenza della Sorbonne. Nel febbraio 2014 è diventato professore in relazioni internazionali presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Belgrado.

È stato scelto per essere il presidente del Partito Democratico della Serbia alla 13a Assemblea del DPS tenutasi il 28 maggio 2017. Inoltre ha servito l’esercito nel 2003 nel 63 ° Battaglione Paracadutisti.

 

Gentile Prof. Jovanović, in Italia siamo abituati ad associare il Partito Democratico (italiano) con ideali quali: europeismo, atlantismo e anti-patriottismo. Quali sono i criteri che animano il Partito Democratico di Serbia?

Il Partito Democratico di Serbia è l’esatto opposto. Il nostro obiettivo principale è rafforzare la sovranità del nostro paese e riaffermare il principio di sovranità in generale. I valori nazionali e patriottici rimangono le basi di ogni ordine reale perché rappresentano le sole fonti di identità collettive. Pertanto, possono solo fornire l’unica cornice possibile per la democrazia.

Non è una sorpresa che non si possa avere una vera democrazia all’interno dell’Unione Europea. L’eterogeneità nazionale e culturale non ha mai accompagnato la solidarietà e una comunità politica stabile. So bene che una tale affermazione potrebbe essere provocatoria ed essere considerata reazionaria nelle democrazie liberali, individualiste e postmoderne occidentali.

Ho vissuto, studiato e lavorato in Francia per molti anni e so quanto possa essere forte l’ideologia dominante. Tuttavia, le cose stanno cambiando e la correttezza politica non è più un limite ed è giunto il momento di proteggere finalmente valori come famiglia e nazione. Detto questo, le ho già risposto. Il Partito Democratico di Serbia è un partito conservatore. Pensiamo che la globalizzazione – e l’UE così com’è oggi – sia dannosa per tutti tranne l’élite globalizzata transnazionale.

Che cosa distingue il Partito Democratico di Serbia dagli altri partiti serbi?

Siamo uno dei partiti serbi più vecchi dal momento che il pluralismo politico è stato ristabilito nel 1990. Siamo stati un partito di opposizione, eravamo al governo e poi di nuovo in opposizione. La cosa più importante è che non abbiamo mai deviato dalla nostra ideologia e dai nostri obiettivi.

In un certo senso, questa coerenza e fedeltà alle nostre idee è certamente la differenza più importante rispetto agli altri partiti, non solo in Serbia. In altre parole, abbiamo un’idea ben precisa. Attualmente, dopo molte battute d’arresto e turbolenze negli anni 2014-2016, stiamo tendendo la mano a una nuova generazione per preparare al meglio le elezioni parlamentari del 2020.

Quali alleanze hai a livello internazionale e quale futuro vorresti per l’Europa?

Siamo stati una volta membri del PPE. Ma abbiamo cessato di essere membri dopo la secessione del Kosovo e Metohija nel 2008, quando abbiamo deciso che l’appartenenza all’UE non può più essere un obiettivo in un contesto dove 23 su 28 (27) Stati membri dell’UE hanno riconosciuto la secessione illegale delle nostre provincie meridionali.

Ma anche qui le cose stanno cambiando in meglio. Il contesto politico in Europa è diverso e sono emersi nuove forze di maggioranza. Matteo Salvini nel suo paese, Marine le Pen in Francia, Viktor Orban in Ungheria… finalmente ci sono persone che non hanno paura di dire la verità con le quali si può lavorare.

Per quanto riguarda l’Europa, deve cambiare radicalmente o scomparire. Lo scrittore francese Michel Houellebecq ha inserito nel suo ultimo romanzo che l’Olanda non era un paese ma, nel migliore dei casi, una corporazione. Si potrebbe dire molto peggio sull’Unione europea, una miscela di tecnocrati apolidi e élite imprenditoriali apolidi.

Ecco perché dobbiamo mettere al primo posto le nazioni, gli stati, le identità culturali e nazionali se non vogliamo che si sciolgano. Vogliamo un’Europa che possa proteggere il suo popolo, il che non è il caso dell’UE con la sua politica di immigrazione permissiva e la sua logica esclusivamente mercantile che perseguirà sempre l’interesse privato e non quello collettivo.

Qual è l’atteggiamento del Partito Democratico di Serbia nei confronti della questione  del Kosovo?

Il Kosovo è territorio serbo e non può esserci nessuna discussione a riguardo. Non è solo una questione di identità nazionale, storia e onore. È anche una questione di stabilità geopolitica del nostro paese.

Per tutte queste ragioni, il Kosovo ritornerà effettivamente sotto il controllo di Belgrado, al quale appartiene non solo storicamente ma anche in relazione alla Costituzione Serba e al diritto internazionale come previsto dalla Risoluzione 1244 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. A tempo debito tutto si sistemerà.

Leggi anche —> Dio, Serbia e Famiglia: intervista a Jovan Palalic

(Fabio Sapettini)

L’articolo Il Partito Democratico di Serbia: tutta un’altra cosa! originale proviene da Oltre la Linea.



Leggi l’articolo completo su oltrelalinea.news