La robotica è parte integrante della nostra vita ma il suo impatto è destinato a crescere nel futuro prossimo. Ciò significa che imparare i concetti base oltre a essere importante potrà garantire ai bambini dei vantaggi rispetto a coetanei, così come successo in passato con la conoscenza delle lingue o del personal computer. E se sono tanti i metodi per avvicinarsi al tema, quello ideato da ActivePuzzle è una novità ideale per i bimbi dagli 8 anni in su, che possono prendere confidenza con i robot tramite i puzzle.

La tecnologia dovrebbe essere insegnata in un linguaggio che i bambini capiscano”, è la convinzione di Meir Sela, fondatore della compagnia israeliana che ha sede a Tel Aviv, e ispiratore dell’innovativo sistema per la costruzione dei robot. Alla base del progetto ci sono i pezzi del puzzle, blocchi più grandi e massicci di quelli tradizionali, ognuno dei quali rappresenta una parte del robot e implementa una specifica funzione. L’idea risulta così coinvolgente per i piccoli, permettendo loro di apprendere nozioni base senza ricorrere a coding e computer.

Raccolta in due giorni la cifra richiesta tramite Kickstarter, ActivePuzzle è ora ufficialmente disponibile in due set diversi da 16 e 22 pezzi. I kit includono sensori di luce, batteria, trasmettitori, Led, motori, oltre a cavo USB, ruote e eliche, e si prenotano, nell’ordine, a 85 e 110 euro.

The post Il puzzle che insegna la robotica ai bambini appeared first on Wired.



Leggi l’articolo su wired.it