Immagine tratta da un’intervista andata in onda su Rai 3
La scomparsa a 85 anni di Silvio Novembre, maresciallo della Guardia di Finanza tra i principali collaboratori dell’avvocato Giorgio Ambrosoli nella liquidazione delle banche di Michele Sindona, deve essere l’occasione per riflettere sui valori della nostra società civile.
Silvio Novembre era infatti pervaso dagli ideali di correttezza, verità e spirito di servizio. A ciò abbinava una rara umanità, mista al desiderio continuo di imparare. Oltre a un’umiltà non comune. Nel necrologio apparso sul Corriere della Sera, l’economista d’impresa Marco Vitale, che l…



Leggi l’articolo su blogstar.org.uk