Scioglie nodi, apre bottiglie e afferra oggetti di ogni forma e dimensione: il polpo, grazie ai suoi tentacoli multitasking, è un po’ il MacGyver del mare. Che qualcuno pensasse di imitarlo, in qualche modo, anche sulla terraferma era solo questione di tempo. Ce l’ha fatta un team di ricercatori dell’università di Harvard, che ci presenta in un video le sue prime performance: impugnare, spostare e maneggiare gli oggetti più disparati con grande precisione (e, allo stesso tempo, con delicatezza). Potete fargli riordinare delle uova, per intenderci o, se volete, persino il vostro smartphone nuovo di zecca: pensate al potenziale in ambito industriale.

Il prototipo è descritto tra le pagine di Soft Robotics, dove vengono presentate tutte le novità utili agli scienziati che si occupano di robot, appunto, morbidi (qui una rapida guida per capire meglio di che si tratta).

(Credit video: Bertoldi Lab/Harvard SEAS)

The post Il tentacolo robot creato ispirandosi al polpo appeared first on Wired.



Leggi l’articolo su wired.it