Dopo i limiti di accesso ai videogame per i minori di 18 anni, lo stop delle licenze per i nuovi giochi imposto a luglio ha messo in crisi il mercato interno del gaming cinese



Leggi l’articolo su wired.it