Il Poets’ Corner è il nome con cui viene chiamata una sezione del transetto meridionale dell’Abbazia di Westminster a Londra, in cui sono stati sepolti o vengono semplicemente commemorati alcuni dei grandi nomi della letteratura inglese: è questo il punto preciso in cui da ieri, proprio all’interno dell’abbazia, medici e infermieri somministrano alla popolazione le dosi di vaccino anti-Covid. Nel sottolineare l’importante ruolo dei poeti e delle coincidenze storiche in questa fase, vi ricordiamo anche che il primo uomo vaccinato nel Regno Unito si chiama William Shakespeare (tutto vero, come vi abbiamo raccontato lo scorso dicembre).

Il presidio dell’abbazia sarà aperto due giorni a settimana, per un totale di circa 8mila somministrazioni di vaccino al mese, solo su appuntamento. Il luogo non ha solo un valore simbolico, ma anche pratico: in questo quartiere di Londra il virus ha avuto una minore diffusione rispetto al resto della città, e si spera che la location del presidio incentivi una parte della popolazione ancora molto esposta a vaccinarsi.

Le foto, neanche a dirlo, sono destinate a entrare nella storia: potete sfogliarle qui in alto nella nostra gallery, in attesa di capire se anche qui in Italia potremo vaccinarci tra i poeti a Santa Croce a Firenze o ai piedi dell’altare del Bernini nella Basilica di San Pietro. Mai dire mai, visti i tempi.

The post In Inghilterra ci si vaccina anche dentro l’Abbazia di Westminster appeared first on Wired.



Leggi l’articolo su wired.it