Un piccolo comune in provincia di Trento ha dato nuova vita a una centrale idroelettrica del 1925, riconvertendola per ospitare 20 computer che verranno usati per estrarre criptovalute



Leggi l’articolo su wired.it