(Shutterstock)
Lo scopo principale della pubblicità è informare i potenziali clienti sulle caratteristiche o sui vantaggi di un prodotto e incoraggiarne l’acquisto. Tuttavia, alcuni metodi pubblicitari tendono a nascondere il reale obiettivo commerciale delle comunicazioni; ciò è visibile, per chi ha un occhio allenato, in particolar modo online sugli account dei nuovi “professionisti” del marketing: gli influencer. Abiti, alberghi, prodotti di bellezza, ristoranti: non c’è aspetto del lifestyle che non venga promosso sugli account di chi ha scelto di fare della condivisione social la propria fonte di reddito.
Ma come fidarsi dei consigli dei cosiddetti influencer? Come riconoscere se siamo di fronte ad un suggerimento incondizionato e realmente testato o se siamo di fronte ad una mera pubblicità profumatamente pagata che cerca di condizionare in maniera subdola …



Leggi l’articolo su blogstar.org.uk