(Photo by Simona Granati – Corbis/Getty Images)

L’Inps ha reso di dominio pubblico tutte le sue librerie software per iOs e Android relative a Spid. Il sistema pubblico di identità digitale è sempre più fondamentale per l’accesso ai servizi amministrativi da parte dei cittadini. Con i codici dei software pubblicati in modalità open source sarà possibile, per privati e amministrazioni, sviluppare più velocemente ed economicamente nuove applicazioni che integrino l’utilizzo dello Spid. L’obiettivo è dare un impulso all’utilizzo del Sistema pubblico di identità digitale e ridurre le spese degli sviluppatori.

L’Istituto nazionale di previdenza sociale ha voluto includere l’open source nel proprio piano strategico di digitalizzazione, per creare software più sicuri e “facilitare una produzione di soluzioni digitali direttamente nel paese, con maggiori tutele per le istituzioni e i cittadini”, si legge nella nota con cui l’Inps ha annunciato la diffusione del codice. Questa, insomma, sarebbe solo la prova generale. L’istituto conta di pubblicare altri software in modalità open source, chiedendo l’aiuto della comunità di esperti per individuare bug o falle nei sistemi o per sviluppare più velocemente nuove applicazioni.

Secondo le parole del presidente dell’Istituto, Pasquale Tridico, la scelta di andare open source vuole stimolare la collaborazione tra le pubbliche amministrazioni e creare soluzioni più efficienti per la cittadinanza. Inoltre, si tratta di un passo verso la transizione digitale che potrebbe anche generare benefici per l’economia. Secondo una ricerca commissionata dall’Unione europea, investire in software open source e nella sua adozione da parte delle aziende potrebbe generare un aumento del pil europeo di 100 miliardi di euro per anno.

Oltre a Inps, all’iniziativa hanno collaborato il dipartimento per la trasformazione digitale della presidenza del Consiglio, dato che il progetto è in linea con quanto perseguito dalla comunità per lo sviluppo di software libero a supporto dei servizi pubblici digitali italiani di Developers Italia. I codici sorgente dei progetti pubblicati dall’Inps sono disponibili sulla pagina GitHub 
dell’istituto.

The post Inps pubblica in open source i codici di Spid appeared first on Wired.



Leggi l’articolo su wired.it