L’annuncio secondo cui Justin Sun ha posticipato il pranzo con il miliardario Warren Buffett, a causa di un malore, ha suscitato diverse preoccupazioni nell’ambito crypto. L’evento è stato rinviato al 25 luglio, data nella quale non si sa ancora se il fondatore di Tron sarà disponibile o meno.

In questo momento si trova sotto accusa da diversi media cinesi, mentre il prezzo di Tron (TRX) registra una perdita record di -19.27%, dovuta anche in parte al leggero calo di bitcoin (BTC). Un report proveniente dalla Cina indica che Justin Sun non sta avendo a che fare con dei problemi di salute, mentre il bot BitmexRekt si è dato da fare:

Sfortunatamente per Sun, l’annuncio che la Tron Foundation ha fatto ha inciso parecchio sul prezzo di Tron (TRX) e gli investitori hanno agito di conseguenza. I media cinesi affermano che Sun si trova ancora in territorio cinese e vi sono accuse di pornografia nel suo social media Peiwo, ma si parla anche di gioco d’azzardo.

Secondo alcune indiscrezioni, Sun non può attualmente lasciare il paese e sarebbe questa la vera ragione che ha spinto il fondatore di Tron a posticipare la data prevista per il pranzo con Buffett.

Justin sostiene che le accuse a suo carico, riguardanti la raccolta fondi illegale, siano totalmente false dato che il governo cinese ha bandito le ICO nel settembre 2017 e che la Tron Foundation avrebbe restituito il denaro.

Per quanto riguarda il riciclaggio di denaro, la fondazione si trova a Singapore ed è conforme alle normative locali.

“Comprendiamo le preoccupazioni che girano attorno allo sviluppo della tecnologia blockchain. Siamo disposti a collaborare affinché questo progresso continui in paesi come la Cina.”

Ad ogni modo, Tron (TRX) sta pagando le conseguenze di questi rumor e in questo momento vale 0,023079 $. Una perdita che ammonta quasi al 20% del valore registrato 24 ore fa, secondo i dati di CoinMarketCap:

prezzo di tron trx

The post Justin Sun accusato di riciclaggio di denaro e Tron (TRX) perde oltre il 19% appeared first on The Cryptonomist.



Leggi l’articolo su cryptominando.it